creare la bevanda perfetta

Ecco un interessante pagina dove sono inserite alcune infografiche che si propongono di aiutarci a capire (e volendo a creare) alcune delle bevande più popolari.

Trovo sia un progetto molto divertente e chiaro nella sua realizzazione. Si comprende perfettamente di cosa sono fatte queste bevande anche in modo piuttosto intuitivo. Trovo molto molto piacevole questo genere di illustrazione-ricetta!

http://datavisualization.ch/showcases/inspirational-infographic-of-the-perfect-drink/

 

10 comments

  1. Bianca Sacaleanu says:

    L’infografica è molto simile a quella che avevo pubblicato anche io sulla preparazione dei cocktail! Anche secondo me questo metodo è efficace ed immediato per capire come preparare il nostro cocktail preferito.

  2. stefania fuggetta says:

    Anche io avevo pubblicato quella sul margarita, io le trovoun pò carenti di dati ma mi piacciono molto.

    • Alice Sanca says:

      credo che funzionino proprio per la loro semplicità perché così possono essere lette come “facili ricette” più che come una vera e propria infografica. Credi che aggiungere troppi dati forse in questo caro ridurrebbe l’efficacia del progetto.

  3. Paola Biondo says:

    Una composizione sintetica ben riuscita, credo che il colore abbia giocato un ruolo fondamentale rendendo l’infografica molto gradevole.

  4. Stefano Tribastone says:

    Molto interssante. Facile da leggere e immediata. Mi piacciono molto i coori e lo stile usato, unico linguaggio appropriato e coerente con il tema.

  5. Simona Bertolino says:

    Sintetizza in modo perfetto l’argomento senza l’utilizzo di dati(sarebbero stati superflui).
    Molto facile la comprensione delle proporzioni degli ingredienti utilizzati

    • Alice Sanca says:

      sono d’accordo anzi credo che non sia sempre facile comprendere le ricette delle bevande per via delle varie proporzioni, ma in questo caso risulta essere tutto ben chiaro.

  6. Alessandro Pisano says:

    semplice ma d’effetto. mi piace molto questo stile un po’ retrò e trovo che seppure l’idea di rappresentazione sia banale riesce bene nel suo intento senza complicare la lettura.

    • Alice Sanca says:

      sono pienamente d’accordo. Credo anzi che se il lavoro fosse più complesso perderebbe parte della sua efficacia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *